Regione Marche

Altre Notizie

17 Luglio 2008

Magdi Allam ospite al teatro Astra
Comunicato

E’ Magdi Allam il prossimo – illustre – ospite della rassegna “AutorEstate”, inclusa nel palinsesto dell’Estate Castellana e nelle iniziative proprie dell’associazione Coneriana Cult. Il noto giornalista, vicedirettore del Corriere della Sera, è il protagonista dell’incontro in programma sabato 19 luglio alle ore 21.30 al Teatro Astra con ingresso libero. La sua sarà – anzitutto – una testimonianza, un messaggio di speranza per un’autentica cultura del dialogo e della pace, un racconto di conversione e di fede raccolto nel libro edito da Mondadori che viene a presentare:  Grazie Gesù. “Per cinquantasei anni ho percepito me stesso come musulmano e, intorno a me, gli altri mi hanno individuato come un musulmano. A cinquantasei anni sono rinato da cristiano azzerando l’identità islamica. Dentro e fuori di me tutto cambierà. Nulla sarà più come prima”, dice. Nella notte del 22 marzo 2008, durante la veglia pasquale celebrata da papa Benedetto XVI nella basilica di San Pietro, Magdi Allam ha ricevuto dalle mani del pontefice i sacramenti dell’iniziazione cristiana, completando un lungo e sofferto percorso che lo ha spinto a sancire il definitivo distacco dall’Islam, la religione ereditata dai genitori, e da una storia personale di dubbi e lacerazioni. L’evento ha suscitato non solo l’interesse dei mass media di tutto il mondo, ma anche roventi polemiche, alimentate da quanti hanno considerato la decisione di Allam di rendere pubblica la sua professione di fede, e quella del papa di ratificarla, una sorta di “provocazione”, un modo di soffiare sul fuoco della “guerra di religione” e dello “scontro di civiltà”. Come riportato nel sito web www.magdiallam.it.,promuove un movimento per la riforma etica della cultura politica e delle istituzioni pubbliche in Italia. Il giornalista egiziano è particolarmente attento e appassionato alle tematiche che concernono la realtà dei modelli di convivenza sociale in Occidente, quali democrazia e diritti umani, identità nazionale e cittadinanza, immigrazione e integrazione. Nato al Cairo nel 1952, si è laureato in Sociologia all’Università La Sapienza di Roma. Da Mondadori ha pubblicato: Diario dall’Islam (2002); Bin Laden in Italia. Viaggio nell’islam radicale (2002); Saddam. Storia segreta di un dittatore (2003); Kamikaze made in Europe. Riuscirà l’Occidente a sconfiggere i terroristi islamici? (2004); Vincere la paura. La mia vita contro il terrorismo islamico e l’incoscienza dell’Occidente (2005); Io amo l’Italia. Ma gli italiani la amano? (2006); Viva Israele. Dall’ideologia della morte alla civiltà della vita: la mia storia (2007); Grazie Gesù. La mia conversione dall’islam al cattolicesimo. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti nazionali e internazionali, tra cui il Premio Saint-Vincent di giornalismo, l’Ambrogino d’oro del Comune di Milano, il Premio internazionale Dan David e il Mass Media Award dell’American Jewish Committee.

Lucia Flaùto
adminComune

Città di Castelfidardo

torna all'inizio del contenuto