Regione Marche

Altre Notizie

13 Giugno 2011

Il saluto del neo eletto

Non nascondo un pizzico di emozione nel ripropormi su queste pagine. Uscire dalla consultazione elettorale con un attestato di stima così importante è motivo di soddisfazione ma soprattutto di grande responsabilità. Il sottoscritto e Solidarietà Popolare ne avrebbero avuta in ogni caso, mantenendo il medesimo spirito di servizio anche dai banchi dell’opposizione, se i cittadini avessero deciso diversamente. Ma oggi ci sentiamo certo più forti, carichi e stimolati dalla fiducia tributata. Non mi dilungo sull’analisi del voto, di cui trovate l’evidenza matematica nelle tabelle e il commento negli spazi dei partiti. Mi limito a rivolgere un ringraziamento sincero a tutti coloro che ci hanno scelto premiando il lavoro di cinque anni, il gruppo che mi ha sostenuto e i “rivali” alla carica di Sindaco che hanno reso appassionante questa competizione. Forse mai come questa volta il risultato sfuggiva a qualsiasi previsione, data la compattezza con cui si è presentato il fronte dei partiti e l’autorevolezza, per esperienza e rappresentatività, di ciascun candidato. Ne è venuto fuori un esito che non celebra la “vittoria” di chi vi scrive, quanto il programma e l’impegno di una squadra di persone che con umiltà, coerenza e senza alcuna etichetta si mette a disposizione di Castelfidardo. Siamo ripartiti subito. O, per meglio dire, non ci siamo mai fermati, perché questo è il vantaggio della continuità. In questa prima fase sarà prioritario introdurre i nuovi colleghi di Giunta nei meccanismi amministrativi (un benvenuto a loro e ai componenti del Consiglio Comunale, un saluto e un ringraziamento affettuoso a chi non ne è più parte) ma soprattutto portare a termine il percorso già segnato. Ci sono opere da avviare e/o completare su cui crediamo e abbiamo investito – scuola media, scala mobile, centro sociale San Rocchetto – a cui va la precedenza, prima ancora di partire con i nuovi progetti che Castelfidardo chiede per assecondarne i bisogni e le potenzialità. Ai cittadini tutti, al pari di cinque anni fa, chiedo di aiutarmi in questo compito e rivolgo una promessa: c’è spesso il dubbio che il secondo “mandato” sia calante rispetto allo slancio di quello d’esordio. Non sarà questo il caso: il rinnovamento operato, l’esperienza acquisita, il consenso ottenuto, segnano la direzione di una crescita per il bene comune.

Mirco Soprani
adminComune

Città di Castelfidardo

torna all'inizio del contenuto