Regione Marche

ASSALTO AL CIELO, gli anni della gioia e della rivoluzione

Organizzazione: Associazione "ARS OFICINA ARTIUM" di Castelfidardo
Un progetto di Gianluca Dr. Parnoffi

C’è stato un tempo molto vicino dal punto di vista cronologico ma infinitamente lontano da quello ideale e culturale. Un tempo in cui la rivoluzione si tinse di gioia e l’”assalto al cielo” sembrò essere non solo possibile ma addirittura a portata di mano. Tutti i settori della cultura e delle idee erano rivolti a difendere ed allargare lo spiraglio che il ‘68 aveva schiuso e che lasciava intravedere una società più libera e più “aperta”. Anche se sono stati tramandati alle generazioni successive come “anni di piombo” da rimuovere e dimenticare, noi vogliamo raccontarveli dal nostro punto di vista cercando di tracciare l’affresco di una stagione di irripetibile fermento culturale, sociale, artistico e politico e rendere così, almeno idealmente, più vicini o almeno più comprensibili quel cielo e quelle stelle che si volevano assaltare. Cercare di tracciare un percorso attraverso gli innumerevoli spunti di studio e riflessione che un periodo così complesso offre è una sfida affascinante che, pur con tutti i rischi che comporta, merita di essere affrontata. Il cammino che il progetto “Assalto al cielo” vuole disegnare è fatto dalle tante sfaccettature corrispondenti ai vari aspetti della politica, della cultura, della società e del costume che negli anni settanta furono interessati da metamorfosi e rotture destinate ad influenzare per gli anni a venire la storia di questo paese.  Il progetto “Assalto al cielo” parte da queste ed altre considerazioni non vuole in nessun modo affrontare i temi trattati in chiave cattedratica  ed accademica, né avere la presunzione di raccontare verità definitive ed inoppugnabili. “Assalto al cielo” vuole essere un’occasione di analisi e soprattutto di riflessione su quegli anni “della gioia e della rivoluzione” che verranno raccontati in alcuni loro aspetti attraverso la parola, l’ascolto, la visione e la testimonianza di chi c’era.

Serie di 12 incontri:
sabato 29 settembre ed i venerdì 5-12-19-26 ottobre, 2-9-16-23-30 novembre, 7 e 14 dicembre 2007

SABATO 29 SETTEMBRE 2007 ORE 18.00  – presentazione ufficiale del progetto – 
Oltre il buio…la damnatio memoriae dei cattivi maestri
Relatori   Ars Oficina Artium – Dr. Gianluca Parnoffi – Dr. Marcello  Franciosa – Dr.ssa Marina Ansaldo –  Dr. Vincenzo Marzocchini 
Interventi  Dr. Paolo Marzioni (poeta) – Daniele Papa (fotografo)
saluto Dr. Moreno Giannattasio (Assessore alla cultura)  

Lo scrittore Pier Vittorio Tondelli definì quella dei ragazzi degli anni settanta come “la generazione che non ha creduto a nulla se non alla propria dannazione”. Queste parole pesanti come macigni descrivono, con la spietatezza tipica delle semplificazioni, il lungo oblio di dannazione a cui è stato condannato il decennio dei cattivi maestri. Una sentenza durissima e inappellabile pronunciata a volte anche da molti degli stessi protagonisti di quei giorni, che magari nel frattempo si sono fatti strada in radiose carriere ed occupano posti di potere tra i banchi della politica o tra le colonne dell’informazione. Raccontare e rivivere le tante sfaccettature di anni si di scontro ma anche di straordinario fermento politico, sociale e culturale non è un semplice esercizio di nostalgico amarcord ma è anche e soprattutto il tentativo di ipotizzare risposte ad interrogativi attuali e stringenti. Porre sotto la lente di ingrandimento della capacità critica (intesa come unico antidoto al galoppante sonno della ragione) lo stridente parallelismo tra gli “anni della gioia e della rivoluzione” e l’attuale autocrazia mediatico-culturale imposta dai grandi fratelli del pensiero unico, desolante prologo a quell’ “inverno dello spirito” che una inquieta Marguerite Yourcenar scorgeva arrivare nelle “Memorie di Adriano”. 
(Gianluca Parnoffi)
http://www.arsoficina.it/

Quando?
Dal 29/09/2007 - 18:00 al 29/09/2007
Dove?
Sala Convegni di Palazzo Mordini - ingresso via Mordini

ASSALTO AL CIELO, gli anni della gioia e della rivoluzione

Comune di Castelfidardo

torna all'inizio del contenuto