Regione Marche

In Primo Piano

12 Giugno 2019

Ecobox, il Comune dà l’esempio per il riciclo di pile e batterie esauste

Ecobox, l’Amministrazione Comunale dà impulso alla raccolta differenziata di pile e batterie. Già da qualche tempo è in vigore la normativa che dispone di mettere a disposizione del pubblico un contenitore in cui conferire i prodotti esausti: un obbligo che riguarda ogni esercente che vende al minuto questa tipologia di materiale da cui si generano i cosiddetti “rifiuti speciali pericolosi” in quanto altamente inquinanti. Il legislatore stabilisce infatti che pile ed accumulatori portatili (come quelle per orologi, telecomandi, calcolatrici, telefoni, giocattoli e power bank) debbano essere smaltiti seguendo un preciso processo finalizzato al riciclo. Per incentivare e accelerare tale percorso dando un esempio concreto, l’assessorato all’ambiente ha dunque deciso di fornire gratuitamente di ecobox tutti i tabaccai del territorio comunale entro la fine del mese di giugno. L’utente è libero di depositarvi pile e batterie esauste a prescindere da dove le ha reperite e senza essere vincolato ad effettuarvi un nuovo acquisto. Al commerciante compete invece – pena una salata sanzione pecuniaria – l’impegno di affiggere un avviso sulla possibilità di smaltire i prodotti presso il proprio esercizio e un’informativa sui rischi e i danni alla salute in caso di procedura non corretto. La raccolta effettuata negli ecobox verrà poi periodicamente ritirata contattando Rieco e/o assessorato all’ambiente.

Lucia Flauto

Città di Castelfidardo

torna all'inizio del contenuto