Regione Marche

Altre Notizie

16 Dicembre 2009

Contributi a lavoratori disoccupati e utenze domestiche
Comunicato

Contributi a lavoratori non occupati e a nuclei familiari per utenze domestiche: il Comune ha pubblicato oggi il bando valido fino al 29 gennaio 2010. Entro tale termine può essere presentata domanda compilando l’apposito modulo reperibile presso gli uffici dei “servizi socio-educativi” di via Mordini o scaricabile su questo sito su “Avvisi e Bandi”
Verrà data priorità ai  sussidi di sostegno al reddito dei non occupati; qualora, al termine dell’accoglimento di tali richieste, rimangano somme disponibili, verranno valutate anche quelle per acqua, luce e gas da parte di nuclei familiari in situazione di fragilità economica. In ogni caso, si può accedere ad un solo tipo di intervento.

Contributi a lavoratori non occupati: i sussidi sono concessi a lavoratori non occupati iscritti al Centro per l’Impiego nelle liste di collocamento e/o mobilità successivamente al 1 maggio 2009.

E’ necessaria la residenza nel Comune da almeno due anni e una situazione economica del nucleo familiare con valore ISEE (Indicatore Situazione Economica Equivalente) non superiore ad € 10.389,46 (riferita al reddito 2008), rimodulato dal CAAF a seguito della perdita del lavoro entro il termine di scadenza del bando. Non potranno accedere al contributo più lavoratori facenti parte dello stesso nucleo familiare e coloro che siano stati ammessi al precedente contributo erogato dal Comune per la medesima finalità. L’entità del contributo “una tantum” è di max  € 500,00, che verrà erogata in un’unica soluzione.

Contributi a nuclei familiari per utenze domestiche: Anche in questo caso è requisito essenziale la residenza nel Comune da almeno due anni e una situazione economica con valore ISEE non superiore ad € 10.389,46. Inoltre, almeno un componente il nucleo familiare deve essere intestatario dell’utenza. Non sono ammessi a contributo coloro che, nel periodo novembre 2008/novembre 2009, hanno già ottenuto contributi generici o precedenti pagamenti di bollette o coloro che lo hanno ottenuto come lavoratori non occupati. Oltre ai documenti comprovanti l’Isee, andranno allegate alla domanda le copie delle bollette regolarmente onorate; non saranno ammesse quelle non pagate.

Lucia Flaùto
adminComune

Città di Castelfidardo

torna all'inizio del contenuto