Regione Marche

Altre Notizie

8 Settembre 2010

Battaglia, 150° anniversario: via alle iniziative
Comunicato

E’ un programma dall’elevato spessore culturale, che compendia il lavoro di un anno proiettando la città nel futuro con un bagaglio prezioso di memoria orgogliosa e consapevole. Il Comitato promotore per le celebrazioni del 150° anniversario della battaglia di Castelfidardo ha presentato in mattinata presso la civica sede, il fitto calendario di eventi che rimarca il ruolo di una data storica nel processo risorgimentale e nell’unificazione italiana. Quel 18 settembre 1860 permette oggi a Castelfidardo di giocare d’anticipo rispetto ai festeggiamenti Nazionali e di rendersi – come sottolineato dal Sindaco Soprani – promotrice di «un messaggio di unità, proprio nel momento in cui ci sono forze disgreganti che agiscono all’interno del Paese e mettono in dubbio i valori costituenti la nostra identità». Quello cui si dà ufficialmente avvio il giorno 10 con l’uscita straordinaria sul Corriere Adriatico dell’inserto “La Battaglia di Castelfidardo, 18 settembre 1860”, è il primo tassello di una serie di iniziative che avranno il massimo sviluppo nel prossimo week-end, organizzate con il fondamentale contributo di sponsor e associazioni radicate nel territorio, Fondazione Ferretti ed Italia nostra in primis. «Un appuntamento cui l’Amministrazione giunge dopo aver dato corso ad interventi di restyling volti a ridare dignità alle strutture simbolo del patrimonio cittadino: Ossario, Cancellata del Monumento, gruppo bronzeo», ha aggiunto il Sindaco, esprimendo gratitudine al direttore del Corriere Adriatico Paolo Traini per aver consentito di veicolare l’opuscolo abbinato all’edizione di venerdì prossimo. Una diffusione nella quale la testata ha creduto «apprezzandone il valore divulgativo a beneficio dei giovani e delle scuole ed esaltando la particolare coincidenza di date; la battaglia di Castelfidardo – ha detto il direttore Traini – fu il punto di partenza anche per il nostro giornale, che dal 5 ottobre 1860 racconta l’anima delle Marche, si lega alla gente ed intende dare un peso alla nostra storia comune».

Mostre, convegni, pubblicazioni di pregio, concerti, sfilate, rievocazioni in costume: a scendere nel dettaglio del fitto cartellone concepito con «fondi istituzionali congrui ma certo non abbondanti», l’assessore alla cultura Moreno Giannattasio. L’ispirazione di fondo nasce dalla volontà di «mantenere un profilo alto, che renda giustizia alla battaglia, valorizzi il ruolo del risorgimento e si trasmetta concretamente alle generazioni future, cui rimarrà in mano un opuscolo esplicativo e una ristampa anastatica di grande qualità del volume storico del 1864 “Album della guerra d’Italia 1860-61”abbinata alla mostra di Gustavo Strafforello che si inaugura lunedì». Per i fini palati degli storici, non mancherà un congresso di caratura internazionale con otto studiosi stranieri ed un convegno di studi promosso deall’Anpi “dall’Unità alla Repubblica” inserito anche nel programma nazionale. E ancora, le visite guidate di Italia Nostra dal cui Museo del Risorgimento è stata tratta tutta l’iconografia, l’accampamento storico e il concerto in onore della Virgo Fidelis a cura della sezione locale dell’associazione carabinieri in congedo e via dicendo fino a cedere il testimone ad Ancona a fine settembre. Da Eugenio Paoloni, presidente della Fondazione Ferretti, gli ulteriori spunti di rilettura storica: «Quello di Castelfidardo non è stato un evento bellico di eccezionale portata – ha spiegato – tanto che nello scontro fra gli originari 12.000 e 9.500  pontifici e piemontesi ne caderono “soltanto” 88 e 66: fu, piuttosto, un grande incontro di popoli, che ha interessato nove Comuni, la cui area è fortunatamente preservata e tutelata anche da una recente legge regionale. Questo ci ha spronato a creare un’attività intensa con le scuole, che presenteranno i lavori compiuti sui luoghi e sui fatti della battaglia a compimento di un progetto didattico coinvolgente, un veicolo educativo del quale è parte attiva l’intera cittadinanza».

Alla conferenza stampa hanno inoltre partecipato insegnanti e rappresentanti delle varie associazioni locali: fra gli altri, Daniele Carlini (Italia Nostra), Elisa Bacchiocchi (Anpi), Francesco Magi (Anc), Stefano Catena (Cota) e Galeano Binci (fondazione Carilo).

Consulta l`Album Fotografico

Lucia Flaùto
adminComune

Città di Castelfidardo

torna all'inizio del contenuto