Regione Marche

Altre Notizie

11 Giugno 2011

Referendum: 14.421 gli aventi diritto al voto
Comunicato

Ufficio elettorale aperto dalle 9 alle 19 di oggi (sabato) e nei medesimi orari dei seggi per il ritiro tessere e il rilascio di eventuali duplicati. Molti i cittadini che già nei giorni scorsi si sono recati presso lo sportello comunale che – alla pari delle recenti elezioni amministrative – garantirà i medesimi servizi sia informativi che informatici. Il dato relativo all’affluenza alle urne verrà reso noto alle 12.00, 19.00 e alle 22.00 tramite aggiornamenti in tempo reale :
http://www.comune.castelfidardo.an.it/elezioni/refe11/
AVENTI DIRITTO AL VOTO: 14.421, di cui 7051 uomini e 7370 donne.
MODALITA` VOTO: Seggi aperti dalle 8.00 alle 22.00 di domenica e dalle 7.00 alle 15.00 di lunedì; gli elettori che negli orari di chiusura si trovino all’interno dei locali saranno ammessi a votare. Tutto invariato quanto alle sezioni elettorali: numero 1-3-6 scuola elementare Mazzini (via Oberdan, 1° edificio); sezioni numero 2-4-5-12 scuola elementare Fornaci (via Rossini); sezioni n. 7-13-14 elementari Mazzini (via Oberdan, 2° edificio); sezioni 8-9-10 elementari Crocette (via Murri 19); sezioni 11-15-16 scuola elementare Cerretano (via Mattei 5). 

I REFERENDUM: quattro referendum e altrettante schede, come sinteticamente riportato dall’ufficio centrale:
a) referendum popolare n. 1 (Scheda di colore Rosso) – Acqua pubblica: abrogazione (cancellazione) affidamento servizio idrico ad operatori privati – Modalità di affidamento e gestione dei servizi pubblici locali di rilevanza economica.
Nota: Il primo quesito sulla privatizzazione dell`acqua pubblica riguarda le modalità di affidamento e gestione dei servizi pubblici locali di rilevanza economica.
Si deve votare SI se si è contro l`art. 23 bis della legge n. 133/2008 relativo alla privatizzazione dell`acqua e contro la gestione dei servizi idrici da parte dei privati.
Si deve votare NO se si è a favore della legislazione attuale.
b) referendum popolare n. 2 (Scheda di colore giallo) – Acqua pubblica: abrogazione (cancellazione) calcolo tariffa secondo logiche di “mercato” – Determinazione della tariffa del servizio idrico integrato in base all’adeguata remunerazione del capitale investito.
Nota: Il secondo quesito sulla privatizzazione dell`acqua pubblica riguarda la determinazione della tariffa del servizio idrico integrato in base all`adeguata remunerazione del capitale investito. In questo caso agli elettori viene proposta una abrogazione parziale della norma di cui all`art. 154 del D.lgs. 152/2006:
Si deve votare SI se si è contro la norma che permette il profitto nell`erogazione del bene acqua potabile.
Si deve votare NO se si è a favore della legislazione attuale che ammette tale guadagno.
c) referendum popolare n. 3 (Scheda di colore grigio) – Energia nucleare– Nuove centrali per la produzione di energia nucleare.
Se si vota SI, si è contro le norme che dispongono la realizzazione nel territorio nazionale di impianti di produzione di energia nucleare. In particolare si tratta dei commi 1 e 8 dell`art.5 del d.l. 31/3/2011 n.34 convertito con modificazioni dalla legge 26/5/2011 n.75 che consentono la produzione nel territorio nazionale di energia elettrica nucleare.
Se si vota NO, si è favorevoli alla realizzazione in Italia di tali impianti.
d) referendum popolare n. 4 (Scheda di colore verde chiaro) – Abrogazione (cancellazione) legittimo impedimento – Abrogazione di norme della legge 7 aprile 2010, n. 51, in materia di legittimo impedimento del Presidente del Consiglio dei Ministri e dei Ministri a comparire in udienza penale, quale risultante a seguito della sentenza n. 23 del 2011 della Corte Costituzionale.
Si deve votare SI se si è contrari al principio che il Presidente del Consiglio o i Ministri, possano decidere di non comparire in tribunale, in udienza penale, nei processi che li riguardano. Si deve votare NO se si è a favore della legislazione attuale che prevede questo “legittimo impedimento” nei confronti del sistema giudiziario.

Lucia Flaùto
adminComune

Città di Castelfidardo

torna all'inizio del contenuto