Regione Marche

Altre Notizie

24 Agosto 2010

Il Festival di fisarmonica gioca d’anticipo
Comunicato
Il palinsesto estivo calibrato attorno all’Ingirogustando che ha stimato 30mila presenze nei sette appuntamenti del giovedì, cede il passo a due appuntamenti radicati nel dna fidardense: le celebrazioni del 150° anniversario della battaglia che caratterizzeranno il mese di settembre ed il Festival internazionale di fisarmonica che annuncia già importanti scadenze. Il 31 agosto è infatti il termine ultimo per far pervenire alla segreteria organizzativa domanda di iscrizione al premio e concorso per solisti e complessi, articolato sulle consuete sette categorie di musica classica, due di leggera, una sezione per gruppi ed orchestre e quella dedicata ad Astor Piazzolla; modulo informazioni sono disponibili sul sito (http://www.festivalcastelfidardo.it).
Ciò che fa già notizia è lo spostamento temporale: rispetto al calendario classico, la 35a edizione del F.I.F. è infatti anticipata di una settimana, andandosi a collocare dal 5 al 10 ottobre. Una scelta che Assessorato alla Cultura ed Ideazione Eventi hanno concordato, confidando in un clima che consenta di gustare la molteplicità di proposte inserite negli spazi all’aperto del centro storico appositamente strutturati. Il criterio ispiratore segue il trend di crescita delle ultime stagioni: si amplia la “via del festival” con nuove aree tematiche e concerti itineranti live diurni e notturni; confermatissimi il Baby music club e il “Music reality show”, con l’originale esperienza di convivenza a tre in una suite creativa collegata in diretta streaming 24 ore su 24. E se il nucleo centrale della rassegna rimane il concorso, momento privilegiato d’incontro tra artisti provenienti da tutto il mondo, altrettanto ricco si presenta il “menu artistico” offerto dalle serate di gala. Il programma vedrà protagonista all’ouverture del 5 ottobre Mafalda Minnozzi in “Arca musicale”, un memorabile connubio di arrangiamenti, stili, strumenti e voci con Paul Ricci (chitarre), Erick Chica  (percussioni), Rubem Farias (basso) e Riccardo Taddei (fisarmonica). L’internazionalità e l’incrocio di esperienze proseguono con Antonello Salis & Furio Di Castri nel progetto “Il vino all’opera” che coinvolge anche Mauro Ottolini (basso tuba), Mauro Negri (clarinetto) e Michele Rabbia (batteria). Ci sarà poi il sensazionale World Accordion trio che riunirà stelle di assoluta grandezza come Frank Marocco, Richard Galliano e Coba e l’inedita combinazione  fra la coppia francofona Marc Perrone & Marie-Odile Chantran e la Piccola Orchestra La Viola con uno spettacolare uso polifonico degli organetti. Come da tradizione, le serate  di giovedì e domenica verranno invece riservate all’esibizione dei vincitori.
Lucia Flaùto
adminComune

Città di Castelfidardo

torna all'inizio del contenuto