Regione Marche

Altre Notizie

5 Giugno 2008

Il Consiglio Comunale del 3 giugno
Comunicato

Un articolato ordine del giorno ha caratterizzato la seduta di Consiglio del 3 giugno. In apertura, il Sindaco ha comunicato il provvedimento riguardante la nomina del componente esterno esperto la commissione del civico Museo della Fisarmonica, individuato in Alessandro Crucianelli. Nell’ora di tempo prevista dal regolamento per la discussione delle interrogazioni, ne sono state trattate due fra le otto complessivamente presentate, entrambe illustrate dal capogruppo dell’Unione Lorenzetti. La prima ha avuto ad oggetto l’erogazione di contributi alle associazioni sportive locali, chiedendone l’entità e la possibilità che venga coinvolta la commissione cultura e sport all’atto della determinazione. Il Sindaco Soprani, ricordando che le tariffe sull’uso degli impianti sportivi sono fra le più basse del territorio, ha risposto elencando nel dettaglio somme distribuite e società beneficiarie. Adottando un criterio standard ormai da anni, i contributi sono andati a chi ne ha fatto richiesta in base ad una suddivisione non politica ma tecnica. Un ricco dibattito si è aperto sulla seconda interrogazione relativa alla produzione, raccolta, differenziazione e smaltimento dei rifiuti. Il consigliere Lorenzetti ha fatto notare come la soluzione a un problema di drammatica attualità non sia la discarica ed ha sottolineato che nelle Marche esistono 1574 siti potenzialmente contaminanti; di qui l’importanza di fare accordi con i Comuni limitrofi. L’assessore Serenelli ha replicato che l’adesione al consorzio di ambìto avviene per legge e che c’è in cantiere un progetto per la realizzazione di un impianto di selezione che separerà l’umido dal secco riducendo sensibilmente la percentuale destinata in discarica.

Mozioni – Un impegno a proporre cicli di incontri con le scuole sull’educazione civica, da definirsi con i capogruppo consiliari, coinvolgendo anche i dirigenti scolastici e finanziandoli con una cifra adeguata: è il testo della mozione approvata all’unanimità dei presenti, su sollecitazione dei consiglieri Catraro e Pompei, partendo dalla considerazione che la popolazione scolastica è caratterizzata da forte immigrazione ed occorre far crescere la cultura di tutti i giovani verso il bene comune. Di qui si è acceso un lungo dibattito in cui sono intervenuti Moreschi, Balestra e Gambi per la maggioranza, Scattolini, Cingolani e Magi per l’opposizione, sulla presunta carenza dei programmi Ministeriali, sull’autonomia scolastica e i fattori sociali che incidono sulla “maleducazione” civica. Gli assessori Bugiolacchi e Giannattasio hanno espresso la disponibilità dell’Amministrazione, ricordando che questo tipo di sensibilità è già alta (vedi i corsi promossi con il locale Itis Meucci) e che oggi più che mai occorre un “tavolo” di formatori che riunisca tutte le realtà esistenti sul territorio per essere più incisivi e cambiare un metodo che un tempo si basava sulla responsabilizzazione dei singoli ma che ora passa attraverso una “scommessa di crescita” sempre più dilatata nell’età. Respinta dalla maggioranza, invece, la mozione sulla variante Acquaviva (astenuto Canali), presentata da Catraro per far predisporre all’ufficio tecnico comunale un progetto preliminare sul tratto di strada di competenza per poi recuperare i costi dai lottizzanti. Il Sindaco e il tecnico, ing. Bocchini, hanno spiegato le complicanze derivanti dal sostituirsi ai privati, ribadendo che sull’argomento si avrà nella prossima quindicina di giorni una risposta dal Comune di Loreto, che se ne dovrebbe fare carico in virtù di un accordo di programma che pone a carico dei lottizzanti i costi dell’opera. Respinta anche la mozione sulla sistemazione dell’edicola votiva posta sulla strada detta “dei Macelli”, su cui sussisteva – ha rimarcato Catraro – già tre anni fa un impegno dell’Amministrazione. Il Sindaco Soprani ha spiegato che l’attuale Giunta l’ha effettivamente finanziata per 15.000 € ed il progetto sta per essere inviato alla Soprintendenza.

Altri punti – Il consigliere Canali, in qualità di presidente della commissione museale, ha effettuato una lusinghiera relazione sull’attività del Museo della fisarmonica, evidenziando i risultati non buoni ma buonissimi, che stanno dando un’immagine internazionale allo strumento e alla città.

Approvata la ratifica di Giunta sullo spostamento di risorse e la variazione di bilancio scaturita dall’esigenza di integrare alcuni stanziamenti di spesa (fra l’altro, per il completamento della Scuola S.Agostino e la sistemazione di scalinata e ingresso del teatro Astra) e di finanziare nuovi interventi, come illustrate dall’assessore Serenelli. Contrario il voto di Magi, Lorenzetti e Catraro. Approvato all’unanimità il regolamento per l’erogazione di interventi sociali illustrato dall’assessore Nardella, che aggiorna e innova quello attualmente in vigore del 1990 e ridetermina alcuni importanti aspetti allo scopo di tutelare equamente tutti i cittadini. Unanimità di consensi anche sull’acquisto delle azioni Apm (azienda pluriservizi Macerata, gerente il servizio idrico integrato), esercitando il diritto di opzione per un valore di circa 430 €. Approvati all’unanimità anche i contratti di servizio con i quali confluiscono a far data dal 1° luglio nella Pluriservizi Fidardense srl, società unipersonale del Comune, la  gestione della redazione, stampa e spedizione di questo mensile e lo sportello Informagiovani con risparmi per l’Amministrazione e maggiore snellezza.

In chiusura, sono stati discussi e approvati una serie di atti di natura urbanistica. L’autorizzazione alla definizione di subcomparti nella lottizzazione residenziale in via della Crocetta (unanimità dei voti), la variante alla scheda 3 degli edifici ditta Moreschi inseriti nelle zone produttive del centro urbano (favorevole la maggioranza, contrari Scattolini, Catraro e Lorenzetti), l’adozione del catasto comunale incendi boschivi (unanimità), l’acquisizione gratuita di frustoli di terreno nelle vie Giolitti, via Macerata e Einaudi (unanimità dei presenti).

Lucia Flaùto
adminComune

Città di Castelfidardo

torna all'inizio del contenuto