Regione Marche

Altre Notizie

15 Novembre 2010

Addio a Roberto Pregadio, un amico della fisarmonica
Comunicato

La scomparsa del Maestro Roberto Pregadio è un lutto che colpisce anche Castelfidardo. Il direttore d`orchestra noto al grande pubblico televisivo per l`indimenticabile lavoro al fianco di Corrado nella popolarissima “Corrida”, era dal 2006 un ospite abituale del Festival Internazionale della Fisarmonica, cui aveva partecipato con l`amico e collega Franco De Gemini portando sul palco dell`Astra le colonne sonore dei film più famosi. Con garbo innato ed eleganza, lo ricordiamo nella bella foto Nisi all`opera nella nostra Castelfidardo con un pianoforte della Rossini.

Di seguito la nota battuta dall`Ansa.
E’ morto stamattina dopo una breve malattia il maestro Roberto Pregadio. Lo annunciano i suoi familiari. Nato a Catania il 6 dicembre 1928 fu musicista, direttore d’orchestra e compositore, ma la celebrità gli venne dalla tv alla Corrida dove divenne anche un personaggio.
Roberto Pregadio, per la tv, era un direttore “classico”. Ma, a parte il suo diploma in pianoforte classico e la sua cattedra al conservatorio di Frosinone, l’aggettivo va inteso in senso televisivo. Pregadio, scomparso oggi dopo una breve malattia a 81 anni (era nato a Catania il 6 dicembre 1928), apparteneva cioè a quella generazione di ottimi professionisti e grandi conoscitori del jazz che ha curato la veste musicale del varietà (e lasciato tracce importanti nelle colonne sonore e nella musica leggera), riuscendo a uscire dai limiti del ruolo di direttore d’orchestra. Basta pensare a Bruno Canfora e Enrico Simonetti, per fare solo due nomi di una lista lunga.
Roberto Pregadio per il grande pubblico era “il maestro della Corrida”: la sua militanza è stata lunga 41 anni. Aveva cominciato con Corrado alla Corrida radiofonica nel 1968 e poi lo aveva seguito quando fu portata in tv nel 1986 e aveva mantenuto il suo spazio anche dal 2002 accanto a Gerry Scotti, giocando con un`elegante combinazione di ironia e autoironia il ruolo del custode del buon gusto musicale, in mezzo a quel contesto di dilettanti allo sbaraglio giudicati dalle trombette del pubblico. Alla “Corrida“, lo ha raccontato lui stesso, e` legata tutta la sua vita. L’anno scorso se ne andò e fu un addio amaro. Avevano scritturato Vince Tempera e lui non voleva dividere il ruolo: la produzione disse che il suo addio era legato a problemi di salute e lui, che era del 1928, si arrabbiò moltissimo e lo dichiarò pubblicamente. Così tornò alla Rai, come giudice nei “Raccomandati” condotti da Pupo. Già un ritorno, perchè per molti anni Pregadio era stato il pianista dell`Orchestra della Rai e proprio in quel ruolo aveva incontrato Corrado. Il suo curriculum lontano dalla televisione comprende il podio di direttore dell`orchestra nel concerto che Claudio Villa ha tenuto alla Carnegie Hall di New York nel 1961, programmi radiofonici con Nunzio Filogamo e Turi Ferro e un gran numero di colonne sonore di “B Movie“.
Ma, come ben sanno gli appassionati, l`impegno che lo divertiva di più era quello di musicista jazz, dove poteva liberamente mettere a frutto il suo talento di pianista ricco di uno swing alla Count Basie: la sua impresa più conosciuta in questo ambito e` stato un gruppo, formato negli anni `80, con alcuni ex colleghi dell`orchestra Rai che sono stati delle colonne del jazz italiano: il Sestetto Swing di Roma.

Lucia Flaùto
adminComune

Città di Castelfidardo

torna all'inizio del contenuto