Giornata della memoria: "Il figlio di Saul"

Saul

Il comune di Castelfidardo - assessorato alla Cultura in collaborazione con l`Unitre, Università delle Tre Età - celebra la Giornata della memoria con la proiezione del cortometraggio "Il figlio di Saul", pellicola d`esordio del regista ungherese László Nemes che si è aggiudicato fra l`altro il premio Oscar e un Golden Globe come migliore film straniero. La proiezione con ingresso libero e aperto a tutta la cittadinanza, si svolge venerdì 25 gennaio alle 17.00 presso la nuova sala convegni di piazza Sant`Agostino (sopra il supermercato Sì con Te).

La visione sarà seguita dal dibattito alimentato dal relatore Marco Labbate, dottore di ricerca in storia contemporanea presso l`Università Carlo Bò di Urbino, collaboratore dell`"Istituto Storia Marche" e dell`Istituto di storia contemporanea del Comune di Pesaro e di alcune riviste a tema storico. 

Il figlio di Saul (trama da Mymovies). Ottobre 1944. Saul Ausländer è un ebreo ungherese deportato ad Auschwitz-Birkenau. Reclutato come sonderkommando, Saul è costretto ad assistere allo sterminio della sua gente che `accompagna` nell`ultimo viaggio. Isolati dal resto del campo i sonderkommando sono assoldati per rimuovere i corpi dalle camere a gas e poi cremarli. Testimoni dell`orrore e decisi a sopravvivervi, il gruppo si prepara alla rivolta prima che una nuova lista di sonderkommando venga stilata condannandoli a morte. Perduto ai suoi pensieri e ai compagni che lo circondano, Saul riconosce nel cadavere di un ragazzino suo figlio. La sua missione adesso è quella di dare una degna sepoltura al suo ragazzo. Alla ricerca della pace e di un rabbino che reciti il Kaddish, Saul farà la sua rivoluzione.



giovedì 17-01-2019 , Lucia Flaùto