Fisarmonica, missione Corea del sud

Corea

Aprire una breccia commerciale e culturale nel mercato in espansione di un Paese ricco promuovendo la qualità della fisarmonica “made in Castelfidardo” e facendo apprezzare dal vivo la versatilità e l’ecletticità dello strumento nei più svariati contesti musicali. Questo l’obiettivo della “Missione Corea del sud” di cui è stata protagonista ad inizio mese una delegazione composta da cinque artisti in rappresentanza di altrettante aziende grazie all’appoggio della Regione Marche, al patrocinio del Comune ed al coordinamento dell’Associazione Music Marche Accordions che racchiude le principali realtà del distretto storico di Castelfidardo. “Un progetto innovativo, avanzato ed intelligente che abbiamo voluto sostenere tramite uno dei rari strumenti normativi che il Consiglio ha approvato all’unanimità, la legge regionale n. 22 che dà un respiro istituzionale ad un elemento identitario interamente prodotto nel nostro territorio”, ha detto l’assessore regionale alla cultura Moreno Pieroni che ha annunciato l’intenzione di “dare continuità di finanziamento alla legge che prevede interventi a tutto campo a favore dell’intero sistema fisarmonica”. La missione si è avvalsa della preziosa collaborazione dell`Ambasciata Italiana a Seoul e dell`Istituto Italiano di Cultura, grazie ai quali, tramite concerti ed incontri con i media, si è percorso un binario parallelo: “Alimentare la creazione di una nuova moda musicale, visto che la fisarmonica è legata in Corea allo stereotipo dell’intrattenimento ma se ne ignorano le infinite potenzialità in altri generi e in abbinamento ad altri strumenti”, ha detto il presidente di Music Marche Paolo Picchio, aggiungendo che “quando poi si cerca una fisarmonica di qualità, non si può non venire a Castelfidardo”. Sui positivi risultati di un’azione da proseguire, ha espresso l’orgoglio dell’Amministrazione l’assessore alle attività produttive Romina Calvani, plaudendo gli “effetti di una sinergia tra enti, associazioni ed imprenditori di un piccolo distretto dai numeri eccezionali che a tutt’oggi conta 25 aziende attive, un centinaio nell’indotto ed un migliaio circa di dipendenti”. Dai componenti la delegazione che ha suonato fra l’altro alla Spiegen Hall di Seoul, a Casa Italia davanti a ospiti di prestigi e che ha registrato significativi speciali che andranno in onda sull’emittente culturale Arte Tv, la testimonianza di un’esperienza proficua e concreta. “Un’occasione importante per diffondere la cultura dello strumento, dare emozioni ed elevare la qualità della didattica della fisarmonica”, ha detto Roberto Ottavianelli, amministratore della ditta “Bugari”, unico imprenditore presente alla spedizione. “Le nostre esecuzioni sono state accolte con grande interesse, attenzione, curiosità, voglia di imparare repertorio e didattica: un mercato di nicchia ma molto fertile, in cui incidere anche attraverso i dipartimenti musicali delle istituzioni Universitarie”, hanno detto i fisarmonicisti Marco Lo Russo (Bugari), Andrea Naspi  (Pigini) e Giuseppe Di Falco (Beltuna) che hanno suonato con Antonio Spaccarotella (Scandalli) e Gary Blair (Pasco) riscuotendo un feedback superiore alle aspettative.

Servizi in onda su:

Etv "Marche flash"

Tvrs Canale 11: martedì 27 (ore 19.45), mercoledì 28 (ore 10.15 e 13.50)

Tvrs Marche Canale 11: mercoledì 28 ore 14.15 e 19.15

 



sabato 24-11-2018 , Lucia Flaùto