Fisarmoniche d`autore a Milano, organetto in piazza

fisa

Le note della strumento ad ancia si intrecciano e rincorrono a più latitudini. Con l’anteprima in programma stamattina (giovedì ore 10.00) in piazza della Repubblica (teatro Astra in caso di pioggia) si apre la seconda edizione del Wow Folk Festival all’insegna dei talenti più giovani e genuini. Ad esibirsi sono infatti gli allievi delle classi III-IV e V elementare dell’I.C. Mazzini che partecipano al laboratorio di organetto realizzato in collaborazione con la civica scuola di musica “Soprani”. Un centinaio di virgulti diretti dal Maestro Roberto Lucanero, organizzati in due orchestrine da 14 elementi e cinque gruppi di propedeutica protagonisti di un percorso culturale di musica e danza che attinge al repertorio tradizionale marchigiano. In serata, il Wow Folk Festival si trasferisce poi al circolo Boccascena di via Montebello (ore 21.30), dove “Il canto alla rovescia” di Massimiliano Di Carlo, musicista, ricercatore e divulgatore del patrimonio musicale di tradizione orale tra Marche e Abruzzi, permetterà un’immersione in sonorità antiche e attuali al tempo stesso, in una commistione di storie, aneddoti, danze e riferimenti al fenomeno dei suoni armonici.

E se il WoW Folk Festival regalerà un crescendo di eventi fino a lunedì 14 - festa dei Santi Patroni - ieri la fisarmonica ha vissuto un’altra giornata prestigiosa a Milano, dove ha partecipato al progetto di solidarietà per il Comune di Loro Piceno colpito dal terremoto sotto l’egida della Regione Marche “Oltre la polvere, l’arte che unisce”. Tramite l’associazione culturale “Marcosignori”, Castelfidardo ha portato al Museo diocesano “Carlo Maria Martini” la propria tradizione e qualità veicolando le anime dello strumento grazie ai maestri Giuliano Cameli (organetto), Mirco Patarini (fisarmonica classica), Antonino De Luca (jazz) e Valentino Lorenzetti (fisarmonica elettronica)

Non finisce qui perché la prossima settimana la fisarmonica suonerà ad Ancona a Tipicità in blu e dal 25 al 30 maggio sarà in Albania in collaborazione con il Consolato Generale d`Italia Valona con un tour promozionale per aprire un ponte al di là dell`Adriatico.



mercoledì 09-05-2018 , Lucia Flaùto