Gli anni al contrario venerdì 4 da Aleph

abc

9 maggio 1978: il cadavere di Aldo Moro viene ritrovato nel portabagagli di una Renault rossa in via Caetani a Roma. Sono passati ormai quasi 40 anni da quel giorno e non è ancora del tutto chiaro ciò che è accaduto attorno a quel nodo cruciale della nostra storia recente.

Proveremo ad accrescere la nostra consapevolezza confrontandoci con la scrittrice Nadia Terranova e il prof. Carlo Latini, ospiti venedì 4 maggio alle ore 21.15 all`incontro promosso dall`associazione culturale "Abitiamo il bene comune" presso la libreria Aleph. Ingresso libero.

Carlo Latini ha vissuto dall’interno la politica di quegli anni ese ne è occupato in un volume, scritto a quattro mani con Valerio Calzolaio, dal titolo Da Moro a Berlinguer. Il Pdup dal 1978 al 1984.

Nadia Terranova è invece autrice del romanzo Gli anni al contrario (Feltrinelli, 2015). La scrittrice ci farà respirare il clima di quegli anni attraverso un altro filtro, quello letterario. Le pagine del suo romanzo attraversano la complicata esperienza di due giovani, Giovanni e Aurora, anch`essi attratti dall`impegno politico nella città in cui vivono, Messina. I due sono vicini, eppure sempre un po` troppo lontani. Aurora ad un certo punto dirà: “Non abbiamo mai usato lo stesso dizionario. Parole uguali, significati diversi. Dicevamo famiglia: io pensavo a costruire e tu a circoscrivere; dicevamo politica: io ero entusiasta e tu diffidente. Io combattevo, tu ti rifugiavi. […] Quando penso agli anni trascorsi mi sembra che siano andati tutti al contrario”.
Di questo romanzo, vincitore di diversi premi, tra cui il Premio Bagutta Opera Prima, Brancati e Fiesole, Roberto Saviano ha scritto: “Un racconto senza fondo che stringe la schizofrenica storia italiana al pulsare dei sentimenti. Un racconto che mi ha legato a sé”.


mercoledì 02-05-2018 , AbC