Madre Lengua, aperte le prevendite: 5 date dal 21/2

madre

Una nuova stagione di sorrisi, simpatia e piacevole intrattenimento. Al via nella seconda metà di febbraio, la settima edizione di “Madre Lengua”, la rassegna dialettale amatoriale organizzata dalla compagnia fidardense de “I Gira…soli” sotto l’egida dell’assessorato alla cultura e in collaborazione con la Pro Loco, ove sono già iniziate le prevendite degli abbonamenti e dei tagliandi per i singoli spettacoli.

Cinque le serate in agenda caratterizzate dalla dirompente vena comica di altrettanti gruppi teatrali portavoce dei rispettivi vernacoli, tipicità territoriali e culture. Serata inaugurale mercoledì 21 febbraio con il ritorno della compagnia Elianto di Lapedona interprete della commedia “Na vita tribbulata”. Approdano invece per la prima volta sul palcoscenico dell’Astra il 28 febbraio J’amici de Candia con la riproposizione di “Mandamoce a lù” in perfetto stile anconetano. Il 7 marzo sarà la volta de “Il Sipario” di Jesi con la nuova piece brillante in due atti dal titolo “Chi non fa… non falla” di Emanuela Corsetti.  Il 14 marzo, tornano i “Lucaroni” di Mogliano nel lavoro di Pietro Romagnoli che prende spunto da un tema serio e ne descrive ironicamente le conseguenze sulla vita di tutti i giorni: “Tutta colpa de lu…vusciu de l’ozono".

Venerdì 23 chiudono fuori concorso i padroni di casa de “I Gira…soli” con l’ultimo, inedito progetto di Stefano Pesaresi e Roberto Perini “Cul diavolu della bonanima” che riserverà una serie di sorprese…dall’aldilà.

Nella serata conclusiva, la speciale e confermatissima giuria composta da Luca Pesaro, Aldo Belmonti, Lorena Marzioni, Silvana Bisogni e Beniamino Bugiolacchi decreterà i vincitori dei premi al miglior attore, attrice, caratterista, sceneggiatura, lo speciale riconoscimento “Madre Lengua” oltre a quello espresso dal voto di gradimento del pubblico.

Biglietto d’ingresso per il singolo spettacolo a 5 €, abbonamento per tutte le serate a 20 € (Info: Pro Loco, piazza della Repubblica 0717822987).



lunedì 29-01-2018 , Lucia Flaùto