1863 - La stazione ferroviaria Osimo-Castelfidardo
Nel 1862 si inaugura la stazione ferroviaria di Loreto istituendo la relativa "fermata". Il 13 maggio del 1863, completato il tratto ferroviario Bologna - Ancona, la linea prosegue verso il sud collegando il capoluogo anconitano con Pescara. Il 29 seguente in Consiglio Comunale, Castello approva la spesa di lire 372,77 occorsa per onorare il passaggio di S.A. Reale il Principe ereditario nel 17 e 23 cadente per l'inaugurazione del tratto ferroviario Ancona Pescara. Tre anni dopo in Consiglio si discute il Piano di esecuzione per la strada della stazione. Il 18 novembre del 1871 il Consigliere comunale Attilio Sciava interviene in Consiglio sulla creazione di una stazione ferroviaria al Pontecascione (?) Nella seduta consiliare del 29 novembre del 1873 si riparla del  progetto per la costruzione della strada della stazione. Il 9.2.1874,  brecciatura e sistemazione di un tratto di strada detta del Purgatorio per abbreviare l'accesso alla stazione ferroviaria.


La stazione Osimo-Castelfidardo
1900/1910 
(Fototeca: Centro Studi Storici Fidardensi)

Poi il 31.10.1899, costruzione di un nuovo edificio scolastico (per la strada della stazione che diverrà esempio di tortuosità per le sue numerose curve). Una delibera importante del 30.3.1900: Il Sindaco di Osimo con sua lettera del 9 corrente mese n.534 significa a questo Ufficio quanto appresso: "Da alcuni abitanti presso la nostra stazione ferroviaria è stata avanzata istanza affinché sulle strade esterne a detta stazione venga stabilito qualche fanale per comodità dei viaggiatori. L'Ufficio Tecnico incaricato di riferire in merito alla spesa ha presentato una relazione con la quale stabilisce in lire 120 la spesa d'impianto di due lampioni a petrolio agli angoli sud-est e sud-ovest del fabbricato della stazione e in lire 200 stabilisce la spesa annua per l'assunzione dei due lampioni compresa la mano d'opera. Questa Giunta Comunale considera che facendo scalo alla suddetta stazione anche le messaggerie di codesto Comune e di quelli di Sirolo, Numana e Camerano la spesa di cui trattasi dovrebbe contenersi con contributo proporzionale di ognuno dei predetti comuni. Quindi reco tutto ciò a cognizione della S. V. Ill.ma con preghiera di farmi conoscere quale sia a tale riguardo l'intendimento di codesta on.Rappresentanza Comunale. Mi confermo in questo incontro con sensi di tutta osservanza. Il Sindaco Gambini".
L'adunanza intesa lettura della sopra trascritta lettera; ritenuti giusti i desideri espressi dagli abitanti presso la stazione ferroviaria che prende il nome di Osimo e di questo Comune. Delibera unanime di approvare in massima il progetto del Sindaco di Osimo.

La ditta Fratelli Gagliardi, di Francesco e Dante la cui fornace di laterizi è situata nel 1904 in contrada Monte Camillone sulla strada che da Castelfidardo porta alla Stazione ferroviaria ha impiantato una fornace a pignone in via puramente sperimentale per studiare la correzione delle terre. Ottenuti i primi risultati costruisce una fornace  a galleria intermittente allo scopo di fare gli esperimenti su più vasta scala.
 


Dott. Renzo Bislani  
Presidente del Centro Studi Storici Fidardensi  

bislani@tin.it
 


La stazione Osimo-Castelfidardo
1960

(Fototeca: Centro Studi Storici Fidardensi)